martedì 24 luglio 2018

FRULLATO VEGETALE AI FRUTTI DI BOSCO "NATURALMENTE CON NOI"

Che il vostro menù sia semplice, bilanciato, sano e ricco di gusto per stare in forma ed in buona salute anche per le vacanze estive.
ARRIVEDERCI A SETTEMBRE... "Naturalmente con Noi". 
Isabella e Tiziana

Queste lunghe e calde giornate estive ci mettono a dura prova e spesso ci capita nel bel mezzo del pomeriggio di avere un caldo di energia.
Se abbiamo la possibilità di trovarci a casa e di avere a disposizione un frullatore, non c'è niente di meglio per ricaricare le batterie di un buon frullato.
E' una merenda ideale per tutti, fresca, nutriente e facilmente digeribile, soprattutto se realizzata con una bevanda vegetale come il latte di riso o di mandorla.
Adatto soprattutto ai bambini, un frullato vegetale può essere l'occasione per camuffare in modo goloso la frutta che altrimenti non verrebbe mangiata.

Foto di Isabella

La ricetta prevede frutti di bosco, preziosi frutti estivi dal potere antiossidante, ma potete realizzarla con la frutta che desiderate. 

Con banana e avocado ad esempio, albicocche, pesca e melone, pera e mela.
Se desiderate un frullato che non contenga glutine dovete fare attenzione alla scelta della bevanda vegetale ed escludere il latte di farro, di kamut e di avena. Preferite quindi il latte di soia per un frullato proteico, quello di riso per un frullato dal gusto più dolce e delicato, quello di mandorla per un risultato più cremoso e nutriente ed infine il latte di cocco per un tocco più esotico!
Ricetta per un bicchiere di frullato ai frutti di bosco:
mezzo bicchiere di latte vegetale a scelta
100 gr tra more, mirtilli e lamponi
Frullate insieme tutti gli ingredienti e mescolate. 

Se gradite, potete dolcificare con un cucchiaino di sciroppo di agave.
Buona merenda!

Isabella e Tiziana

UNA POETESSA D'ALTRI TEMPI: LA MITICA SAFFO

Cari amici del blog la rubrica "Psiche e Corpo" ha avuto,come si è potuto notare, un lungo periodo di stasi non voluto ma, ahimè! Dovuto: quando, infatti, ciò che più ci appassiona deve cedere inevitabilmente il passo a ben altre faccende molto più terrene e molto meno poetiche, di gran lunga molto meno poetiche!!! allora fermarsi diventa un obbligo e, comunque, è da qua che riprendo la mia amatissima rubrica - creatura - silente e paziente che sa aspettare!!! Danila.

Foto di Gianfranco Ossino

Un grazie, per questo alla carissima dottoressa Tiziana che gestisce un blog che man mano diventa sempre più coinvolgente e interessante da leggere.
Quindi, dopo aver chiesto venia per questa non voluta non curanza passo a proporre ai fans del blog un argomento, sempre in ambito poetico, di una poetessa d'altri tempi: la mitica Saffo.


Foto di Gianfranco Ossino

Saffo era una poetessa greca di Lesbo (fine sec. 7° - prima metà sec. 6° a. C.) che nacque ad Ereso, ma visse a Lesbo, Mitilene. Apparteneva a una famiglia nobile e sembra che, tra il 607 e il 590, esiliò in Sicilia (nella mia Sicilia), fu amica di  un  tale Alceo, che nutriva per lei grande ammirazione; ebbe una figlia, Cleide, e tre fratelli, Larico, Carasso ed Eurigio, dei quali parla nelle sue poesie. 

Saffo ebbe la fortuna di poter trascorrere la sua vita dedicandosi esclusivamente alla poesia, intorno a lei si radunavano fanciulle anch'elle appassionate a questa forma fantastica di trasmissione d'amore, sentimenti, emozioni. 
Nelle sue poesie Saffo esprime sentimenti amorosi verso queste giovani. 
Intorno alla poetessa si creò la leggenda di un suo amore disperato per un giovinetto Faone, che avrebbe condotto Saffo a suicidarsi gettandosi dalla rupe di Leucade. 
Ma questa pare che sia una leggenda essendo ella vissuta fino alla vecchiaia. 
Danila Scuderi.

martedì 17 luglio 2018

MANGIARE A COLORI IN CUCINA



A proposito di mangiare a colori in cucina...
Quanto sono rosse queste coste! 
Belle vero? 
E sono pure buone… inoltre cuocendo non perdono il colore, meglio di così!
Verdura digeribile e ricca di sali minerali e vitamine. 
Mi raccomando acquistate e consumate sempre la verdura fresca! 
Andiamo alla scoperta e riscoperta dei prodotti della natura stagionali e a Km 0.

giovedì 12 luglio 2018

DOCENTE: NATURA CHE CURA


L'ANNO SCOLASTICO 2017/2018 si è concluso... e grazie al progetto "Natura che Cura" sono state coinvolte 100 scuole primarie e secondarie di primo grado, 150 lezioni tenute da 60 medici AMIOT ed oltre 9 mila studenti formati.


Attestato di partecipazione in qualità di Docente

Il progetto è pensato per bambini e ragazzi al fine di sensibilizzare sul tema della prevenzione naturale delle malattie e alla conduzione di corretti stili di vita.




Entusiasmo, interesse e consapevolezza sull'uso responsabile dei farmaci, sulle risorse che la Natura offre e sulla necessità di affidarsi sempre al medico!





"Natura che Cura: il medico racconta" dr. ssa Tiziana La Rocca per comunicare, informare ed educare i bambini alla prevenzione … esperienza con i bambini, per i bambini e tra i bambini gioiosa emozionante e da rifare sempre insieme alla mascotte del BLOG!







giovedì 5 luglio 2018

LA TUA PAUSA PRANZO, NATURALMENTE CON NOI

Come far diventare la nostra pausa pranzo un momento di ricarica per ripartire con il piede giusto?
Foto di Isabella Vendrame

Servono del riso rosso integrale ricco di fibre e nutrienti come magnesio, ferro e vitamine del gruppo B e un condimento a crudo come dei semplici pomodorini ricchi di vitamina C e preziosi antiossidanti e della lattuga o scarola!
Un filo di olio extravergine, del succo di limone e, se gradito, dell'origano.
Il riso può essere bollito la sera prima e poi conservato in frigo oppure la mattina durante la colazione e poi sciacquato sotto l'acqua fredda per raffreddarlo.

Basta condire e... il pranzo è pronto!
Fresco, gustoso per un pieno di energia e buon umore!
E' adatto anche per un pic nic o un pranzo in spiaggia sotto l'ombrellone...perchè, anche d'estate, il gusto non deve mancare mai!!!


Isabella e Tiziana